Minimali contributivi in vigore nel 2020

L’INPS ha provveduto a determinare il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza per l’anno 2020.

Tale limite è di 48,98 euro giornalieri, somma corrispondente al 9,5% dell’importo del trattamento minimo mensile delle pensioni del F.P.L.D. in vigore al 1° gennaio 2020 (€ 515,58).

Con la stessa circolare, l’INPS ha anche determinato i minimi retributivi per singole categorie di cui alla Legge n. 537/1981, che vanno annualmente rivalutati in base all’aumento dell’indice medio del costo della vita che è risultato pari per l’anno 2019 allo 0,5% per cento.

Nel settore agricolo questi ultimi minimi sono:

  • Dirigenti € 108,40
  • Impiegati €   57,16
  • Operai €   43,57

Per gli impiegati agricoli al servizio presso più aziende il minimale è di € 38,21 per gli impiegati di concetto e di € 31,08 per quelli d’ordine. Questi due minimali vanno comunque adeguati al minimo dei minimi e cioè a € 48,98.

Per il personale assunto part-time, la retribuzione minima oraria al di sotto della quale non è possibile calcolare i contributi previdenziali si determina moltiplicando il minimale dei minimali (€48,98) giornaliero per le giornate di lavoro settimanali (6 gg.) e dividendo l’importo così ottenuto per il numero delle ore settimanali previste contrattualmente (39 ore per operai, quadri e impiegati agricoli).

È di tutta evidenza che la retribuzione oraria minima come sopra determinata non esclude l’obbligo del rispetto delle eventuali retribuzioni orarie maggiori fissate dalla contrattazione collettiva.

Per maggiori info scarica la circolare

ATTENZIONE
PER L’ACCESSO AGLI UFFICI È RICHIESTO DI

CONTATTARE TELEFONICAMENTE

LA SEDE CENTRALE E GLI UFFICI PERIFERICI
DI CONFAGRICOLTURA TREVISO